Un'altra azienda-simbolo a rischio: la Canali scende in strada

Altissima l'adesione di oggi

| di Antonino Dolce
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

GISSI – Quattro ore di sciopero oggi per tutto lo stabilimento Canali di Gissi; un altro simbolo dell'occupazione femminile del Vastese insediatosi nel 1992. Adesione altissima, oltre l'80%, tra i dipendendi dei due reparti.

In strada sono scesi i lavoratori che confezionano pantaloni eleganti. Fino al 14 gennaio prossimo saranno coperti dai contratti di solidarietà. Lavorano solo 2 giorni a settimana con una produzione scesa a 540 pezzi al giorno. «Prima - spiegano i manifestanti - eravamo in grado di confezionare 850 paia di pantaloni al giorno. Ci è stato detto che se la produzione dovesse scendere sotto le 500 unità giornaliere il reparto chiude, ma ci impediscono di produrre».
La decisione della proprietà è chiudere a fine anno. Il possibile acquirente si è fatto indietro all'ultimo momento, mentre Canali non ha cambiato le proprie intenzioni gettando nell'incertezza 97 lavoratori distribuiti fra i vari comuni del Vastese.
Su quest'ultimo punto gli scioperanti gettano qualche dubbio: «Nei mesi scorsi non era dato sapere chi fosse il probabile imprenditore per evitare fughe di notizie, ma neanche ora questo ci viene detto». Secondo alcune indiscrezioni dei giorni scorsi sarebbe dovuta essere la Max Mara a rilevare il pantalonificio (lo ha detto in pubblico l'onorevole Cesare Damiano durante il convegno di venerdì scorso), ma conferme 'ufficiali' non ce ne sono state e tantomeno si conoscono le ragioni della rottura delle trattative. «Non vorremmo - concludono - che non vi sia stata alcuna trattativa e sia stato solo un modo per tenerci calmi per poi liquidarci».

SOLIDARIETÀ E PREOCCUPAZIONE - Davanti allo stabilimento c'erano anche i colleghi del reparto giacche. Non ha le stesse difficoltà del pantalonificio; per ora c'è la cassa integrazione. La parola 'tranquillità', però, è l'ultima che si può associare ai 192 operai. «Siamo qui per solidarietà, ma non solo - spiegano - Una volta che chiude un reparto, Canali non ha più convienienza nel tenerne aperto uno solo e continuare a pagare le tasse per l'intero stabilimento. Per questo siamo preoccupati e chiediamo che la proprietà, che non è in crisi, trovi una situazione al proprio interno».
Qualcuno azzarda che lo stesso calvario si possa ripresentare fra due anni.

SEGNALI PREOCCUPANTI - Il percorso che ha portato alla situazione degli ultimi giorni ha alcune tappe simili a quelle della vicina Golden Lady. Prima degli annunci di taglio al personale e della successiva chiusura, le lavoratrici sono state spesso etichettate come assenteiste. Un marchio che rifiutano con fermezza ribadendo la capacità produttiva del sito. L'impressione comune è che - come per la Golden - l'accusa di assenteismo sia il preludio all'annuncio di chiusura.
L'altro segnale è l'assenza della proprietà a Gissi da due anni. Ultimamente è arrivato il manager Mario Greganti che - secondo alcuni - si è già occupato della chiusura di altre aziende in Italia.

IN CORTEO - Alle 15, poi, i lavoratori hanno raggiunto in corteo la Golden Lady lontana qualche centinaio di metri, guidati dai tre sindacalisti Giuseppe Rucci (Cgil), Franco Zerra (Cisl) e Claudio Musacchio (Uil). Lì, i sindacati hanno riferito sull'esito dell'ultimo incontro ministeriale sullo stabilimento di proprietà di Nerino Grassi.

Antonino Dolce

Contatti

redazione@iltrigno.net
tel. 0837.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK