Olivieri chiede provvedimenti urgenti sull'elettrodotto 'Villanova-Gissi'

«Adoperarsi per la sospensione dell'inizio dei lavori»

| di a cura della redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

GISSI - Adoperarsi per la sospensione delle procedure di esproprio per la costruzione dell'elettrodotto 'Villanova-Gissi' e per la sospensione dell’eventuale inizio lavori. Inoltre, richiedere l’istituzione di un tavolo di confronto con le comunità locali interessate al fine di trovare delle soluzioni che rendano l’opera meno impattante.

È l’oggetto della risoluzione presentata dal consigliere regionale Mario Olivieri che sarà discussa durante il consiglio regionale in calendario per il prossimo 14 agosto.

Sedici i comuni coinvolti: Cepagatti, Chieti, Casalincontrada, Bucchianico, Fara Filiorum Petri, Casacanditella, Filetto, Orsogna, Guardiagrele, Sant’Eusanio Del Sangro, Castel Frentano, Lanciano, Paglieta, Atessa, Casalanguida e Gissi.

«La risoluzione – dichiara Olivieri – nasce dal bisogno di capire se, così come traspare, nell’intera procedura adottata, ci sia davvero una “strategia” volta ad evitare l’iter più lungo che garantirebbe la condivisione delle fasi progettuali, soprattutto del tracciato, all’interno di  appositi tavoli tecnici di confronto con gli Enti locali».

Pur  riconoscendo la strategicità dell’opera, quello che il consigliere ha chiesto al Governatore, è di vigilare circa l’utilizzo di metodologie di intervento che «comportano precauzioni aggiuntive in ragione del fatto che verrebbero messi a rischio luoghi caratterizzati da alta densità abitativa».

Da qui, ad esempio, l’idea di ricorerre alla collocazione di centraline di monitoraggio dell’inquinamento elettromagnetico, all’interramento dei cavi nei centri abitati e così via. «Abbiamo deciso di portare la questione in consiglio regionale – conclude Olivieri – perché  la faccenda oltre ad aver generato notevole allarmismo, sta destando preoccupazione per gli eventuali danni ambientali e per le ripercussioni alla salute delle popolazioni residenti. Inoltre, visto che sono stati sollevati diversi ricorsi dinanzi alla magistratura amministrativa è bene che anche la Regione faccia la sua parte».

a cura della redazione

Contatti

redazione@iltrigno.net
tel. 0837.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK