Da Lentella a Roccaspinalveti: 9 uffici del Vastese nel 'piano tagli' di Poste Italiane

Fosca (Cisl): «Per gli uffici razionalizzati destino già segnato»

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

Carpineto Sinello, Carunchio, Celenza sul Trigno, Lentella, Liscia (nella foto), Torrebruna, Palmoli, Schiavi d’Abruzzo e Roccaspinalveti. Sono i comuni della provincia di Chieti interessati dal piano di razionalizzazione che Poste Italiane ha comunicato alle organizzazioni sindacali nei giorni scorsi. In provincia di Chieti chiuderanno 5 uffici: San Giacomo (Scerni), Guastameroli,  Altino, Chieti 5. A comunicarlo è Ezio Fosca, segretario interregionale della Federazione Postali Abruzzo-Molise (Cisl).

La razionalizzazione influirà su giorni e orari di apertura dei singoli uffici, già vistosamente diminuiti in alcuni dei centri interessati. Se una buona parte di cittadini - soprattutto quella più giovane - da tempo usa sistemi on line per espletare diverse operazioni (trasferimenti di fondi, pagamento di bollettini ecc.), un'altra più consistente, ha nell'ufficio postale un punto di riferimento per qualsiasi operazione, a partire dalla corrispondenza; questo soprattutto nei piccoli centri dell'entroterra (proprio quelli che si andranno a toccare), dove la popolazione ha un'età media elevata.

Nel freddo bilancio economico di Poste Italiane evidentemente non è più 'conveniente' avere gli uffici postali dei piccoli comuni aperti tutti i giorni a fronte, tra l'altro, di un alto rischio di rapine (leggi).

Il rischio più preoccupante secondo Fosca è che la razionalizzazione sia solo l'anticamera della chiusura: ««In Abruzzo saranno 19 gli uffici da chiudere individuati dall’azienda e ben 35 quelli da razionalizzare e il cui futuro è ormai chiaro: chiusura al prossimo giro di boa»

FOSCA: «TAGLIO AI SERVIZI SOCIALI» - Il segretario inoltre evidenzia: «Si andranno a colpire le fasce più deboli della realtà abruzzese, in particolare gli anziani che non avendo più un punto di riferimento nell’ufficio postale nel proprio centro, anche per pagare un bollettino o per acquistare un buono, si vedranno costretti a spostarsi presso altri comuni. Ancora più difficile andare a ritirare la pensione perché per poterlo fare saranno costretti a spostarsi, mettendo chiaramente a rischio la propria pensione e la propria incolumità, considerato il fatto che sempre più gli anziani sono oggetto di furti e rapine, subito dopo aver ritirato la pensione».

redazione

Contatti

redazione@iltrigno.net
tel. 0837.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK