ISTAT: residenti del Vastese in crescita, ma l'entroterra si svuota

Diffusi i nuovi dati comune per comune, il territorio sfiora quota 100.000

| di Terenzio Zocchi
| Categoria: Attualità
STAMPA

In attesa dei dati complessivi annuali 2017, che i vari uffici demografici comunali stanno pubblicando poco per volta, l'ISTAT (Istituto nazionale di statistica) ha di recente reso noti i dati del numero di residenti per comune relativi al 31 agosto 2017. Attualmente queste sono le cifre più recenti con valore ufficiale.

TUTTI I RESIDENTI COMUNE PER COMUNE - (relativi al 31/08/2017) - I due comuni di gran lunga più grandi sono Vasto (41.317 res.) e San Salvo (20.142 res. - LEGGI QUI i dati aggiornati di San Salvo). Seguono alcuni paesi dell'immediato entroterra: Casalbordino (6.092 res.), Cupello (4.815 res.) e Scerni (3.235 res.); poi a ruota Gissi (2.729 res.), Monteodorisio (2.478 res.) e Pollutri (2.189 res.). Nell'area interna, solo due comuni superano i mille abitanti, cioè Castiglione Messer Marino (1.731 res.) e Roccaspinalveti (1.288 res.). Più piccoli Villalfonsina (955 res.), Fresagrandinaria (947 res.), Furci (939 res.), San Buono (936 res.), Montazzoli (932 res.), Palmoli (923 res.), Casalanguida (899 res.), Celenza sul Trigno (894 res.), Torrebruna (812 res.), Schiavi di Abruzzo (791 res.), Liscia (701 res.). Non superano quota settecento Lentella (697 res.), Carunchio (634 res.) e Carpineto Sinello (584 res.). Seguono Guilmi (417 res.), Tufillo (395 res.), Castelguidone (367 res.), Dogliola (354 res.), Fraine (320 res.). Chiude la fila San Giovanni Lipioni (172 res.), che si riconferma il comune più piccolo del Vastese per abitanti. 

LA TENDENZA DEMOGRAFICA - Confrontiamo i nuovi dati con quelli dell'ultimo censimento che si riferisce al 21 ottobre del 2011, cioè a circa sei anni fa. La tendenza è quella di una netta crescita della popolazione nelle due cittadine sulla costa, Vasto (+2.570 res.) e San Salvo (+1.294 res.), e una generale riduzione di popolazione in tutti i comuni dell'entroterra, nessuno escluso. Dal punto di vista meramente numerico, le riduzioni maggiori sono avvenute a Casalbordino (-211 res.), Gissi (-206 res.), Castiglione Messer Marino (-167 res.), Scerni (-164 res.), Furci (-149 res.), Roccaspinalveti (-146 res.), Schiavi di Abruzzo (-140 res.), Pollutri (-117 res.), Torrebruna (-112 res.), Fresagrandinaria (-109 res.), Casalanguida (-107 res.), Montazzoli (-100 res.) e gli altri a seguire. 
Dal punto di vista percentuale invece, i paesi la cui popolazione si è assottigliata di più sono Fraine (-19,2%), San Giovanni Lipioni (-18,1%), Tufillo (-15,6%), Schiavi di Abruzzo (-15,0%), Furci (-13,7%), Carpineto Sinello (-12,3%), Torrebruna (-12,1%), Castelguidone (-11,8%), Casalanguida (-10,6%), Fresagrandinaria (-10,3%), Roccaspinalveti (-10,2%), e gli altri a seguire. I dati bassi di Palmoli (-5,8%) e Carunchio (-0,8%) sono dovuti alla presenza di un'alta percentuale di popolazione straniera proveniente dal Gambia e dalla Nigeria, cioè agli ospiti dei due rispettivi centri di accoglienza per migranti.

IL VASTESE NEL COMPLESSO - La popolazione complessiva del territorio del Vastese sale a 99.666 residenti, con un incremento discreto del +1,4% rispetto al 2011. A trainare questa crescita sono tuttavia le cittadine di Vasto e San Salvo: se infatti le escludiamo dal calcolo complessivo, tutto l'entroterra passa dai 40.728 residenti del 2011 ai 38.207 residenti del 2017, con una diminuzione totale del -6,2%.

L'INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE NELL'ENTROTERRA - Il dato che emerge per le aree interne, cioè la decrescita più o meno lenta dei comuni medio-piccoli, si spiega non tanto con il flusso migratorio verso la costa, pure presente, ma con l'invecchiamento progressivo della popolazione. Se andiamo ad analizzare l'età media della popolazione (dati 2017), osserviamo che i comuni vicini alla costa sono grosso modo nella media nazionale: San Salvo (42,2 anni), Cupello (43,0 anni), Monteodorisio (43,2 anni), Vasto (44,0 anni). Le medie più alte si ritrovano invece nei comuni dell'Alto Vastese: San Giovanni Lipioni (63,8 anni), Schiavi di Abruzzo (61,5 anni), Torrebruna (54,7 anni). Seguono altri borghi dell'interno: Fraine (53,7 anni), Castelguidone (51,7 anni), Roccaspinalveti (51,3 anni), Furci (50,8 anni), Guilmi (50,9 anni), Carpineto Sinello e Tufillo (50,2 anni), Castiglione Messer Marino (49,9 anni). Gli altri comuni sono compresi nella fascia tra 49 e 45 anni.
Per quanto riguarda l'indice di vecchiaia (idv), il parametro che misura il numero di ultrasessantacinquenni ogni cento giovani, a fronte di San Salvo che si conferma il comune più giovane del nostro territorio con 126, tutto l'entroterra è abbondantemente sopra quota 200. In questa speciale classifica spiccano San Giovanni Lipioni (2.450) e Schiavi di Abruzzo (1.034), i comuni più "anziani" dell'area. Seguono a distanza Torrebruna (567), Castelguidone (496), Fraine (492), Furci (433), Roccaspinalveti (417), Guilmi (411).

Terenzio Zocchi

Contatti

redazione@iltrigno.net
tel. 0837.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK