Omicidio Monteodorisio: arrivano i Ris nella casa di Lizzi

Analisi anche nell'auto della vittima, parcheggiata nel vialetto

| di Ansa
| Categoria: Attualità
STAMPA

A distanza di otto giorni dal ritrovamento privo di vita di Antonio Lizzi69 anni pensionato, con le caviglie e i polsi legati nella sua abitazione in contrada Marracola a Monteodorisio, sono giunti in tarda mattinata da Roma i Carabinieri del Reparto Investigazioni Scientifiche.

Poco prima delle 13 sono stati tolti i sigilli all'area delimitata per accedere nella casa dove si è consumato il delitto dell'anziano che, vedovo da qualche anno, viveva da solo. Sopralluogo dello speciale reparto investigativo dell'immobile e delle pertinenze richiesto dal procuratore della Repubblica di Vasto Giampiero Di Florio al fine di dare un nome e un volto all'assassino che ha provocato la morte di Lizzi per "asfissia meccanica violenta da compressione toracica", come rilevato dall'autopsia eseguita a Chieti lo scorso 6 febbraio da Pietro Falco, responsabile del servizio di medicina legale dell'Asl.

I Carabinieri del Ris inizieranno le loro analisi cominciando dal Fiat Fiorino, parcheggiato in maniera anomala nel vialetto d'ingresso della casa dei campagna, utilizzato dal pensionato nei suoi quotidiani spostamenti.

Ansa

Contatti

redazione@iltrigno.net
tel. 0837.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK