Uno stormo di cicogne avvistato in Abruzzo

Gli altipiani sosta per l'avifauna, ma manca una mappatura a fini di tutela

| di Maria Carosella
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Uno stormo di 32 cicogne bianche è stato avvistato in Abruzzo, in una località che la Stazione Ornitologica (Soa) preferisce non indicare per questioni di tutela.

"A poche centinaia di metri dal punto di osservazione - si legge in una nota della Soa - i nostri soci hanno osservato tre gruppi di cacciatori con cani in addestramento che costituiscono, come affermato da Ispra e Corte Costituzionale, una forma di disturbo sia per i migratori sia per le specie che iniziano a riprodursi".

Per la Soa questa è l'occasione per evidenziare "l'importanza degli altipiani maggiori abruzzesi come siti di sosta per l'avifauna durante la migrazione sia primaverile sia autunnale. Luoghi che dovrebbero essere mappati secondo la direttiva comunitaria 147/09/CE 'Uccelli' a fini di tutela, ma l'Abruzzo, privo di Piano faunistico venatorio, non ha ancora provveduto".

Maria Carosella

Contatti

redazione@iltrigno.net
tel. 0837.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK