"Troppi incidenti sulla Trignina: ogni giorno percorriamo quella strada per andare a lavorare"

Il severo monito contro la classe politica di un cittadino di Palmoli a seguito dell'ennesimo incidente che ha spezzato la vita ad una donna di 30 anni

| di Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Il tragico incidente sulla statale 650 Trignina, dove Ilaria Mastroberardino, la trentenne di Tufillo ha perso la vita, ha scosso l’intera comunità e non solo. Sono tanti o forse anche troppi gli incidenti che caratterizzano la cronaca lungo quella strada. C’è tanta paura nelle vite di quelle persone che quotidianamente si trovano ad imbattersi su una strada dove “troppe persone sono andate via.”

“Siamo papà, mamme, giovani che ogni santo giorno percorriamo quella strada per andare a lavoro, sì per andare a lavoro – dichiara con un severo monito Massimiliano Barattucci, un cittadino di Palmoli che ogni giorno attraversa la Trignina per andare a lavoro - a cosa serve il sindacato? A tutelare i lavoratori. E la politica, a cosa serve? A tutelare i cittadini. O almeno dovrebbe. Ieri mattina la classe politica ha fallito di nuovo. Ha fallito nei confronti di tutti, nei confronti di una giovane mamma che andava (o tornava, poco importa) da lavoro. Quanto tempo ancora vi serve per trovare una soluzione? Quante vittime ancora vi servono? Ditelo anche a noi, almeno abbiamo una data. Diteci su chi dobbiamo far speranza! Se sulla fortuna o su un camionista non distratto. Cercate di fare qualcosa. Sono anni e anni ormai che cerchiamo di ricordare gli incidenti, ma ce ne sfugge sempre qualcuno perché sono tanti, troppi. Le promesse fatte nei successivi tre giorni e ogni cinque anni non bastano più. Vogliamo risposte concrete, azioni. Ci rappresentate, aimè. Ed io, oggi, al vostro posto, mi sentirei per l’ennesima volta un po' in colpa.”

Redazione

Contatti

redazione@iltrigno.net
tel. 0837.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK