A Furci torna la “Sagra della Pecorara”, giunta alla trentesima edizione

Compleanno prestigioso per l’evento gastronomico. I proventi saranno destinati a lavori per il Santuario del Beato Angelo

| di Nicola Di Santo
| Categoria: Gusto
STAMPA

Cifra tonda per la “Sagra della Pecorara”, il principale evento enogastronomico dell’estate furcese che quest’anno raggiunge l’importante traguardo della trentesima edizione.

Dalle ore 19 di lunedì 13 agosto, presso i giardini del Santuario del Beato Angelo, i numerosi partecipanti avranno la possibilità di gustare uno dei piatti simbolo della cultura contadina e pastorale del territorio.

Una grande quantità di carne ovina verrà cucinata insieme a pomodoro e spezie varie nelle tradizionali pentole di rame, in dialetto chiamate “callare”, che verranno alimentate dal fuoco vivo per 6-7 ore. Oltre alla “pecorara”, verranno serviti panini con ventricina, arrosticini, patatine, “scrippelle”, tarallini e gli immancabili “celli ripieni” furcesi. A caratterizzare l’evento organizzato dal comitato feste “Santuario del Beato Angelo”, ci saranno la musica live della “Cynaro Band”, animazione e giochi gonfiabili gratis per i bambini. I proventi della serata verranno destinati a lavori per il Santuario del Beato Angelo, il patrono del paese.

Un giorno molto sentito dall’intera comunità furcese, che il 13 agosto usa anche recarsi in pellegrinaggio presso i resti dell’antica abbazia benedettina-agostiniana di Cornaclano, frazione del Comune di Fresagrandinaria, per assistere alla Santa Messa e accendere ceri votivi in quello che era uno dei luoghi prediletti e maggiormente frequentati dal Beato Angelo.  

Nicola Di Santo

Contatti

redazione@iltrigno.net
tel. 0837.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK