Partecipa a IlTrigno.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Monteodorisio e i suoi personaggi storici: Edoardo Suriani

Alla scoperta di un grande poeta e sindaco

Redazione
Condividi su:

C'era una volta un giovane poeta di Monteodorisio che apparteneva ad una delle famiglie più conosciute del paese: Edoardo Suriani. Egli studiò Giurisprudenza a Napoli e divenne una figura rilevante per il piccolo borgo dell'entroterra vastese.

Terminati gli studi in Campania, tornò nella terra natale, dove fu Consigliere e Deputato Provinciale di Chieti e Sindaco di Monteodorisio.
 
E' interessante scoprire come Edoardo Suriani fosse in grado di produrre delicatissimi versi. Basti pensare a "Gire e rigire", scritta in forma di canzone.
 
Nel testo si può riscontrare, attraverso il vernacolo usato, una aulicizzazione, caratteristica di chi scriveva poesia dialettale al fiorire del nostro secolo, segno evidente di un desiderio di comunicazione con le varie zone linguistiche del nostro Abruzzo.
 
E canzone, vera e propria, diventò grazie alla musica del Maestro Di lorio. Di seguito, il testo assai raro della canzone. 
 
FONTE: NOIVASTESI
AUTORE: GIUSEPPE CATANIA
 
GIRE E RIGIRE
I
Ti pozza l'om 'uccide,
fijja di cane!
A me li giuramente
nciò li pinziere!
A n'addre tu pinzive
e, j ere sere,
scappate si nchi Ciomme
a Mezzacane!...
 
RIT.:
Gire e rigire...
L'ammore è na rutelle
senza cirvelle;
ma nchi la molle de lu tradimente.
Sciù...
 
 
II
Lu Ciomme t'ha stricate.
ma pò ' ti lasse;
È na facce di corne
e mane leste...
Ma a ddò vii jié a firnè?
Doppe la feste:
mazzate, botte e ngiurie
e panarasse!...
 
RIT.:
Gire e rigire...
L'ammore è na rutelle
senza cirvelle;
ma nchi la molle de lu tradimente.
Sciù...
 
III
Tu, quando scartucciave
marrocche ruscie
e mmi vasciave come
lu preferite,
le gente murmurave:
«È lu marite!».
E Ciomme deventave
cchiù muscie muscie...
 
RIT.:
Gire e rigire...
L'ammore è na rutelle
senza cirvelle;
ma nchi la molle de lu tradimente.
Sciù...
Condividi su:

Seguici su Facebook