Salvatore Germano di Celenza sul Trigno partecipò con la squadra di equitazione a 8 Olimpiadi

| di Geremia Mancini
| Categoria: Personaggi
STAMPA
printpreview

Salvatore Germano nacque a Celenza sul Trigno, in provincia di Chieti, il 13 febbraio del 1914, da Giovanni (quarantaduenne "beccaio" – figlio di Salvatore e Vittoria Ottaviano) e da Ninfadora Giulia Angeladea Loreto (trentaquattrenne "donna di casa" – figlia di Donato e Cleunice Di Paola).

I suoi genitori si erano sposati il 9 dicembre del 1897. Salvatore divenne un esperto e bravissimo "maniscalco". Si arruolò per partecipare alla guerra nei territori dell'Africa Orientale Italiana  ( A.O.I.). Si fece onore meritando medaglie ed encomi.

Ecco le motivazioni:

La prima: "caporal maggiore maniscalco del gruppo squadroni eritrei. – Comandante di una colonna di salmerie, attaccato da forze superiori, con prontezza schierava i suoi uomini e dopo vivo fuoco di fucileria riusciva a mettere in fuga il nemico. – Debuk, 1 marzo 1936-XIV".

La seconda: "caporal maggiore maniscalco del 1° gruppo squadroni cavalleria coloniale. – Caporal maggiore maniscalco seguiva di sua volontà il proprio squadrone, che con impetuose cariche travolgeva forze superiori, facilitando, con questo, il compito di avanzata della fanteria. – M. Tigh, 28 marzo 1938-XVI" .

Tornato in Patria Salvatore Germano scelse, definitivamente, la carriera militare. Rimase, naturalmente, con l'incarico di "maniscalco" e raggiunse il grado di Maresciallo. Ma quello che lo rese popolare fu il suo ruolo con la "squadra azzurra" di equitazione.

La sua maestria, la sua capacità di trattare i cavalli era unica. Divenne l'ombra e l'amico fidato di Raimondo D'Inzeo uno dei massimi campioni nella storia mondiale del salto a ostacoli in equitazione.

Raimondo D'Inzeo lo riteneva "l'insostituibile maniscalco". Salvatore Germano partecipò a ben 8 Olimpiadi (Londra 1948, Helsinki  1952, Melbourne 1956, Roma 1960, Tokyo 1964, Città del Messico 1968, Monaco di Baviera 1972 e infine Montréal 1976).

Fu tra i "fondatori" del centro ippico "I Pratoni del Vivaro" (voluto, nel 1959, dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano).

Tenne, come istruttore, corsi organizzati dal Comitato Fise e fu anche prezioso consigliere per tecnici e maniscalchi di tutta Italia. Sapeva trattare perfettamente, come nessun'altro, ogni tipo e razza di cavallo. Con lui la mascalcia diveniva arte.

Salvatore Germano morì il 23 gennaio del 2010.

Geremia Mancini

Contatti

redazione@iltrigno.net
tel. 0837.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK