Rapina a mano armata alle Poste di Carunchio

I banditi non hanno esitato ad agire nel pieno centro del paese

| di Antonino Dolce
| Categoria: Attualità
STAMPA
L'ufficio postale di Carunchio

CARUNCHIO - «La fame porta a fare queste azioni spregiudicate». È il commento del sindaco di Carunchio Gianfranco D'Isabella sulla rapina a mano armata di questa mattina all'ufficio postale del paese.

Una frase indicativa perché - sebbene le modalità del colpo non si allontanino molto dai recenti casi di Liscia e Lentella - la sede assaltata si trova in pieno centro di Carunchio, in una stradina sulla piazza principale, quindi non lontana da occhi indiscreti.
Due uomini armati di pistola e coperti da passamontagna sono entrati in azione poco dopo le 9 di questa mattina, mentre erano presenti tre cittadini e si sono fatti consegnare il denaro dal dipendente. Non si conosce ancora l'entità del bottino, ma pare superi le ventimila euro.

«Le informazioni che ho sono ancora poche - continua D'Isabella - ma pare che un'auto sia stata ritrovata fuori dal paese. I rapinatori hanno aspettato l'arrivo dell'IVRI che portava i soldi per le pensioni e sono entrati in azione. Abbiamo sempre pensato di essere "tutelati" perché l'ufficio postale si trova praticamente nella piazza principale e mai avremmo pensato che si arrivasse a questo».

Su tutto il territorio sono scattati i posti di blocco dei carabinieri. Le forze dell'ordine hanno confermato il ritrovamento dell'auto, una Fiat Uno risultata rubata.

Antonino Dolce

Contatti

redazione@iltrigno.net
tel. 0837.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK