Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Ddù midece accante a nu lette a le timpe de lu Coronavirus (di Rodrigo Cieri)

| di Rodrigo Cieri
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
L'ex sindaco di Celenza, Rodrigo Cieri

Na cocchie

d’anziane št’a lu lette; febbre, tosce, raffreddore e delure; nen

ce manche niente. Lu fijje e la nore štanne al lavoro. Corre la nipote Nicolette,

tutte agitate.

Nicoletta:

«Nonnina, gna te sinte? E tu nonnò che dice?»

Giuseppe:

«Ah, gna me dole ’mpette!»

Rosina: «Uà mamme, chisciccise šta tosce!»

Nicoletta tocche de llà e cuppe a št’altre parte. «Ajje mamme gna cuce! Qua

ce vo lu mideche!»

Giuseppe: «Ce ne vo ddù!»

Nicoletta: «Esaggeraziune! Pecché n’ t’abbašte une?»

Giuseppe: «N’capisce niente! Une pe’ nonnete e une pe’ mmé.»

Nicoletta: «E dajje! Me štete a pijjà’ pe cule?»

Rosina: «Tuo nonno dice ca isse te’ nu mideche e j’ štenghe segnate nche

n’atre. Chiame, esse šta

le nnumere!»

Nicoletta prende il telefono e fa lu numere: «Pronte, dottò, bongiorne! So’ la

nipote de Rosine

Sigismondi, curre ca nonne šta male!»

Roberto, il dottore, : «Buongiorno, ma io sono il curante di tuo nonno!»

Nicoletta:

«E vié ca šta mmalate pure isse!» E subbete fa l’altre nnumere:

«Pronto, dottoré, scappe

ca mio nonno šta male! So’ la nipote de Peppe Tamburrane.»

Flavia, la dottoressa: «Buongiorno, signorina, con tutto il cuore, ma io sono

la curante di tua nonna!»

Nicoletta: «Curre, ca pure esse šta ’mmalate!»

Oh! n’ze po’ crede! Tutt’e ddù le midece a la porte! Contemporaneamente! E

po’ a la camere da lette.

Nicoletta: «Preghe, dottò, accumudateve.»

E tutte e ddù accante a lu lette, mentre l’ammalite šta sotte a le cuperte.

Ognune scopre p’attentà’ la fronte. Sbaglieno paziente ca tutte e ddù te’ lu

cappelle de lana e stanne cuperte.

Giuseppe: «None, n’so j’! passe a ll’altre quarte!»

Rosina «E pure tu, va’ de llà!»

E cuscì une de qua e une de llà; succede pure che z’intrecciano le struminte

pe sentì a lu pette o la schiene, pe sentì lu core gna vatte e se ci šta la

brunchite. Une visite de qua e l’altre de llà. Mo ci vo na ricette, una de qua e

l’altre de llà. E quanda mì na vìsete veloce come quešte

contemporaneamente! Quanta grasce! Ecche, a ognune lu mideche sé! Queste

permette la legge e na famijje se spacche p’accuntentà tutte e ddù pecché

tutte e ddù le midice so paisane.

Giuseppe, affaticate e preoccupate si rivolge al dottore: «Dottò, fusse ca

štenghe ’ncurunate? M’ajja preoccupà?»

Roberto: «Che cosa? Che stai dicendo? Incoronato!»

Nicoletta: «Dottore, teme il Coronavirus.»

Roberto: « Non ti preoccupare, non è il Coronavirus, non hai preso il Covid.

Tranquillo, niente Covid, una semplice influenza con mal di gola. Ora

prescrivo le medicine.»

Altrettanto la dottoressa Flavia. Le midece consegnano le ricette e, fatte le ​

dovute raccomandazioni, escono.

Nicoletta telefone a lu spose: «Stefano, ciao, sono io, amò, curre a la farmacì e

fatte dà subito l’antibiotico per i nonni e pure la tachipirine pe la febbre. Dijje

ca doppe passo io per portare ricette e soldi». Si dà da fare pe preparà

qualcosa di caldo e sistemà la camera.

Arrive Stefano nche le medecine e saluta: «Bongiorne, signor Giuseppe,

bongiorne signora Rosina, come va?»

Giuseppe e Rosina quasi contemporaneamente: «Va male, va male, febbre

tosce e delure, è proprie nu pandemonie.»

Stefano : «Volete dire pandemia?»

Giuseppe: «E che differenza ci šta?»

Stefano: «Lu pandemonie è nu casine, nu r

ummore forte, na confusione che n’

ze capisce niente, porte violenza a volte.»

Giuseppe: « E la pandemie?»

Stefano: «La pandemia è un’epidemia, na malatì che z’allarghe a tutte lu

popele, che z’allarghe. Lo vedi che succede nel mondo? so ddo è, quanta

murte! E mo s’hanna fa lu vaccine e štanne chille che nne vonne sapè.»

Giuseppe: «E fanne sciopere, cummedie, manifestazione, rompene vetrine di

negozi.»

Stefano: «Tanta confusione, strille, fracasse. Contre a lu green passe.

Insomme nu casine, nu vere pandemonie.»

Giuseppe: «Ah, nu pandemonie? E j’ che te so ditte?»

Nicoletta dà l’antibiotico e poi la tachipirina a tutte e ddù. Dopo si avvicina a

Stefano, parleno zitte zitte, mentre, non vista, Rusine guarde, sbircia i loro

movimenti e, quando questi stanno per baciarsi:

«Ueh! E mò?»

Nicoletta e Stefano si staccano: «Nonna, e che d’è?»

Rosina: «Metteteve la mascherine iušte mò.»

Nicoletta: «Nonnina, ma ze canuscemme, semme de case.»

Rosina: «Metteteve la mascherine e subbite pure, n’ze sa maie che po’

succede ncušte pandemonie ’n gire.»

Stefano: «Pandemia!»

Rosine: « Pandemonio o pandemia, la mascherine!»

Nicoletta, rassegnate: «Va bene, gna dice signurì.»

Stefano e Nicoletta indossano la mascherina: «Šti cuntente? Va bene?»

Rosina, suddesfatte : «Scì, e mo ve putete vascià!» 

 

 

TRADUZIONE

Due medici accanto a un letto ai tempi del Coronavirus

Una coppia di anziani sta a letto; febbre, tosse, raffreddore e dolori;

non ci manca niente. Il figlio e la nuora stanno al lavoro.

Corre la nipote Nicoletta, tutta agitata.

Nicoletta:

«Nonnina, come ti senti? E tu nonno che dici?»

Giuseppe:

«Ah, come mi fa male in petto!»

Rosina: «Oddio, mamma, che possa morire uccisa questa tosse!»

Nicoletta tocca di là e copre da quest’altra parte. «Oddio come scotti! Qua ce

vuole il medico!»

Giuseppe: «Ce ne vogliono due!»

Nicoletta: «Esagerazione! Perché, non ti basta uno?»

Giuseppe: «Non capisci niente! Uno per tua nonna e uno per me.»

Nicoletta: «Ma va! Mi state prendendo per i fondelli?»

Rosina: «Tuo nonno dice che lui ha il medico suo ed io sono iscritta con

un altro. Chiama, là sopra sta il numero.»

Nicoletta prende il telefono e compone il numero: «Pronto, dottò, buongiorno!

Sono la nipote di Rosina Sigismondi, corri perché mia nonna sta male!»

Roberto, il dottore, : «Buongiorno, ma io sono il curante di tuo nonno!»

Nicoletta:

«E vieni perché è malato anche lui!» E subito si affretta a fare

l’altro numero: «Pronto, dottoressa, corri perché mio nonno sta male!

Sono la nipote di Peppe Tamburrano.»

Flavia, la dottoressa: «Buongiorno, signorina, con tutto il cuore, ma io sono

la curante di tua nonna!»

Nicoletta: «Corri, perché pure lei è malata!»

Oh! Non si può credere! Tutti e due i medici alla porta! Contemporaneamente!

E poi nella camera da letto.

Nicoletta: «Prego, dottò, accomodatevi.»

E tutte e due accanto al letto, mentre gli ammalati stanno sotto le coperte.

Ognuno scopre per toccare la fronte. Sbagliano paziente in quanto entrambi

hanno un cappello di lana e sono coperti

Giuseppe: «No, non sono io! passa dall’altra parte.»

Rosina «E pure tu, va’ di là!»

E così uno di qua e uno di là; succede pure che s’intrecciano gli strumenti

per ascoltare il petto o la schiena, per ascoltare il cuore come batte e se ci sta

la bronchite. Uno visita di qua e l’altro di là. Ora ci vuole la ricetta, una di qua

e l’altra di là. E quando mai una visita veloce come questa a due malati

contemporaneamente! Quanta grazia! Ecco, a ognuno il medico suo! Questo

permette la legge e una famiglia si spacca per accontentare tutti e due i

medici perché tutti e due sono paesani.

Giuseppe, spossato e preoccupato si rivolge al dottore: «Dottò, per caso io

sono incoronato? Mi devo preoccupare?»

Roberto: «Che cosa? Che stai dicendo? Incoronato!»

Nicoletta: «Dottore, teme che abbia il Coronavirus.»

Roberto: « Non ti preoccupare, non è il Coronavirus, non hai preso il Covid.

Tranquillo, niente Covid, una semplice influenza con mal di gola. Ora

prescrivo le medicine.»

Altrettanto la dottoressa Flavia. I medici consegnano le ricette e, fatte le

dovute raccomandazioni, escono.

Nicoletta telefona al fidanzato: «Stefano, ciao, sono io, amore, corri in

farmacia e fatti dare subito l’antibiotico per i nonni e pure la tachipirina per

la febbre. Dì che dopo passo io per portare ricette e soldi». Si dà da fare per

preparare qualcosa di caldo e sistemare la camera.

Arriva Stefano con le medicine e saluta: «Buongiorno, signor Giuseppe,

buongiorno, signora Rosina, come va?»

Giuseppe e Rosina quasi contemporaneamente: «Va male, va male, febbre,

tosse e dolori, è proprio un pandemonio».

Stefano : «Volete dire pandemia?»

Giuseppe: «E che differenza c’è?»

Stefano: «Il pandemonio è un casino, un r

umore forte, una confusione che ​non si capisce niente, porta violenza a volte.»

Giuseppe: « E la pandemia?»

Stefano: «La pandemia è un’epidemia, una malattia che si allarga a tutto il

popolo, che si allarga. Lo vedi che succede nel mondo? dappertutto, quanti

morti! Ed ora devono farsi il vaccino e ci sono quelli che non ne vogliono

sapere»

Giuseppe: «E fanno sciopero, commedia, manifestazioni, rompono vetrine di

negozi.»

Stefano: «Tanta confusione, strilli, fracasso. Contro il Green pass. Insomma un

casino, un vero pandemonio.»

Giuseppe: «Ah, un pandemonio? E io che ti ho detto?»

Nicoletta dà l’antibiotico e poi la tachipirina a tutti e due. Dopo si avvicina a

Stefano, parlano sotto voce, mentre, non vista, Rosina guarda, sbircia i loro

movimenti e, quando questi stanno per baciarsi:

«Ueh! Ed ora?»

Nicoletta e Stefano si staccano: «Nonna, e che c’è?»

Rosina: «Mettetevi la mascherina proprio ora!»

Nicoletta: «Nonnina, ma ci conosciamo, siamo di casa!»

Rosina: «Mettetevi la mascherina e subito pure, non si sa mai che può

succedere con questo pandemonio in giro.»

Stefano: «Pandemia!»

Rosina: « Pandemonio o pandemia, la mascherina!»

Nicoletta, rassegnata: «Va bene, come dici tu.»

Stefano e Nicoletta indossano la mascherina: «Sei contenta? Va bene?»

Rosina, soddisfatta: «Sì, ed ora potete baciarvi!»

Rodrigo Cieri

Contatti

redazione@iltrigno.net
tel. 0837.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK