Mattinata di tensione a Palmoli: profughi bloccano la strada, malore per uno di loro

Il sindaco Masciulli: «Tra stasera e domattina l'espulsione dei responsabili»

| di Antonino Dolce
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

PALMOLI - Tensione altissima nelle prime ore di questa mattina a Palmoli. Alcuni degli immigrati ospitati nella struttura comunale dell'ex convento - il centro d'accoglienza è gestito dal consorzio di cooperative Matrix - hanno bloccato la circolazione sulla strada provinciale ai piedi del paese con bidoni dell'immondizia e altri ostacoli (come è possibile notare nelle foto).

I profughi presenti nella struttura da circa 9 mesi protestano perché chiedono tempi più veloci per uscire dal limbo in cui si trovano e ottenere l'asilo politico. Alcuni residenti di Palmoli hanno cercato di sfondare il blocco dei manifestanti; questi i momenti di maggiore tensione. 
Gli immigrati hanno bloccato anche l'autobus che passa poi per Lentella per accompagnare gli studenti a Vasto; questo è riuscito a passare dopo circa mezz'ora. Uno di loro ha accusato un malore e sul posto è intervenuta un'ambulanza del 118. 

Il sindaco Giuseppe Masciulli, contattato dalla redazione riferisce che «su circa 60 immigrati ospitati dalla struttura, la strada è stata bloccata da una ventina di persone. Il blocco è durato un'ora e mezza. In questo momento siamo in contatto con la Prefettura: chi ha bloccato la strada sarà identificato e tra stasera e domattina espulso. Nel pomeriggio probabilmente arriverà il viceprefetto. La cosa grave è che la protesta è iniziata alle 5 del mattino, abbiamo subito chiamato le forze dell'ordine: i carabinieri sono arrivati poco prima delle 8, in borghese. Diciamo che la situazione è stata risolta soprattutto dai residenti».

Antonino Dolce

Contatti

redazione@iltrigno.net
tel. 0837.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK