Partecipa a IlTrigno.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

LA FOTO DI FABIO

TUTTI PER UNO E UNO PER TUTTI

Condividi su:

Qualche anno fa al D' Avalos fu scattata la foto tra Bersani, Vendola e Di Pietro, una foto che restò negli annali della politica italiana, perché comunicava un progetto (progressista) per il futuro dell' Italia.  Fu chiamata la foto di Vasto.

La sera de 20 giugno 2022, sul palco elettorale sansalvese, è stata scattata la foto tra Fabio (Travaglini) e la sua squadra: tre donne e tre uomini, il più anziano dei quali ha 57 anni e con uno solo che ha già avuto esperienza amministrativa. Nella foto di Fabio i nuovi amministratori: due eletti nei (rispettivi) partiti di sinistra, che finalmente torna in Consiglio e cinque quarantenni civici con esperienze politiche diverse o nessuna esperienza. Due mamme. Tutti con famiglie e con  professionalità maturata dopo gli studi. 

Sono l' espressione di una nuova maggioranza di governo, con un mix equilibrato: quattro decimi (la lista del sindaco), tre decimi (il Pd) e un decimo a testa (le altre tre liste). Nessuno ha fagocitato. Nessuno è ripassato a fregare le preferenze degli altri. Nessuno è incazzato. Sono tutti per uno e uno per tutti, come comunica la foto di Fabio. Stanno lavorando tanto quelli che non rientreranno in Consiglio quanto i più votati, Anzi proprio i primi degli eletti delle tre liste più forti (Argirò, Boschetti e Marcello) hanno fatto un passo indietro, non entreranno in Giunta e vogliono assessori giovani e nuovi.

Cosa ha reso possibile il clima immortalato nella foto? La personalità di Fabio ed il suo metodo colloquiale, inclusivo e democratico, con la voglia di contrapporsi ai coltelli e alle coltellate, alla competizione e ai competitivi, al promettere una cosa e fare un' altra, alla polvere sotto il tappeto. D'altra parte quel che hanno coraggiosamente raccontato i quattro fuoriusciti ha fatto scuola e fatto comprendere che è meglio l' incontro tra diversi che lo scontro tra pseudo uguali. 

Travaglini ha anche messo sull'avviso la competitor sui probabili fulmini e saette che avrebbe in maggioranza, non avendo alcun consigliere a suo sostegno, dicendole "se non sono riusciti a farsi rispettare calibri come i 4  fuoriusciti, come farai tu a farti rispettare ?" Emanuela dovrà continuamente minacciare le dimissioni per governare il gruppone del sindaco uscente, in un panorama in cui nulla potrà il monogruppo di chi doveva essere primo (cittadino) e si ritrova ultimo e solo (in Consiglio). Ecco perché di fronte al probabile caos che ci sarebbe con una maggioranza di centrodestra (vista l'amarezza astensionistica che serpeggia tra i candidati), San Salvo dovrebbe scegliere i sorrisi della foto di Fabio.

Condividi su:

Seguici su Facebook